Baboom e i suoi servizi sono in continua evoluzione: per restare aggiornato sulle novità o avere informazioni più dettagliate, seguici sui social oppure contattaci.
Saremo felici di rispondere alle tue domande e consigliarti la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Image Alt

Food delivery al tempo del coronavirus

Food delivery al tempo del coronavirus

Sei un imprenditore della ristorazione?
Un menù digitale può aiutarti ad avviare e gestire le consegne a domicilio.

L’emergenza sanitaria e la conseguente chiusura di molte attività commerciali hanno avuto un forte impatto sui consumi e sul ricorso alla consegna a domicilio, soprattutto nel mondo del food.
Secondo uno studio FIPE- Federazione Italiana Pubblici Esercizi, il numero di consumatori che ha usufruito del food delivery nel periodo di limitazione degli spostamenti è cresciuto in modo significativo, sia tra i fruitori abituali, sia per chi non aveva mai (o solo saltuariamente) usufruito di servizi a domicilio.

Anche l’osservatorio nazionale Just Eat (la nota piattaforma per le ordinazioni online) conferma il trend: secondo una ricerca dedicata a gusti, abitudini e priorità alimentari degli italiani al tempo del Covid-19, il 90% degli oltre 30mila intervistati ritiene che il food delivery sia un servizio essenziale o almeno importante, mentre il 60% del campione ha fatto ricorso alla consegna di cibo a domicilio durante il lockdown.

Il food delivery, insomma, ha fatto breccia nel cuore degli italiani e sembra un trend destinato a durare. Per la maggior parte degli intervistati da Just Eat, infatti, ricevere il piatto preferito a casa è una coccola (59%) e, soprattutto per i più giovani, un modo di staccare la spina. Nella fascia d’età 36-45 anni, il food delivery è anche una comoda alternativa al fare la spesa. In testa alle preferenze sempre la classica pizza, ma il comparto gelati e dolci ha registrato, durante il lockdown, un aumento delle consegne del 131%.

La consegna di cibo a domicilio si configura dunque come un’opportunità interessante anche per settori della ristorazione sinora meno coinvolti in questo tipo di servizi.

Gli imprenditori della ristorazione tradizionale, però, faticano a mettersi al passo: secondo l’indagine FIPE, il 35% pensa di non avere i mezzi necessari per farlo, mentre il 65% ritiene che non sia un canale di vendita economicamente sostenibile, anche perché richiede adeguamenti nella gestione del lavoro e dei prodotti.

Secondo uno studio FIPE- Federazione Italiana Pubblici Esercizi, il numero di consumatori che ha usufruito del food delivery nel periodo di limitazione degli spostamenti è cresciuto in modo significativo. Gli imprenditori della ristorazione tradizionale, però, faticano a mettersi al passo: il 35% pensa di non avere i mezzi necessari per farlo. 
La digitalizzazione dei menù, però, può aiutare a soddisfare questa nuova esigenza:
Post a Comment